Home » Archivi Autore: Antonio

Archivi Autore: Antonio

XM.COM: broker forex per trading online sicuro e affidabile

XM.com è uno dei migliori Broker Forex e CFD, tra i più sicuri e affidabili in Europa.

XM Group (XM) è un gruppo di broker regolamentati. Trading Point of Financial Instruments Ltd nasce nel 2009 ed è regolamentata dalla Cyprus Securities and Exchange Commission (CySEC 120/10), Trading Point of Financial Instruments Pty Ltd nasce nel 2015 ed è regolamentata dalla Australian Securities and Investments Commission (ASIC 443670) e Trading Point of Financial Instruments UK Ltd nasce nel 2016 ed è regolamentata dalla Financial Conduct Authority (FCA 705428).

Sono 196 i Paesi che hanno scelto XM come partner e più di 21.000 sono gli affiliati.

Visita XM.com e inizia a fare esperienza nel trading

XM: affidabilità e sicurezza

Uno dei principi cardini di XM è proprio la Sicurezza dei Fondi dei Clienti e in qualità di broker Forex regolamentato dalle principali certificazioni adotta alcune importati procedure, quali:

  • Opera con istituti bancari di primo livello
  • In caso di insolvenza, tutela i clienti con misure ulteriori come il Fondo di Compensazione dell’Investitore (solamente per i clienti Trading Point of Financial Instruments Ltd)
  • Effettua un monitoraggio delle transazioni e per la gestione del rischio per evitare la possibilità di perdite superiori all’investimento iniziale
  • Utilizza metodi di pagamento per i versamenti e i prelievi dei fondi che garantiscano la sicurezza dei trasferimenti e la privacy dei clienti mediante la tecnologia SSL
  • Fornisce informazioni dettagliate sulle condizioni di trading e la massima trasparenza degli strumenti finanziari forniti
  • Offre tra i migliori spread ai clienti
  • Non applica commissioni extra sui depositi e sui prelievi. Non ci sono costi fissi.

Tipologie di Conto trading XM

Se decidiamo di fare Trading Forex online con XM e quindi di aprire un conto, analizzando la piattaforma, abbiamo la possibilità di scegliere se

  • Aprire inizialmente un conto Demo, che ti consente di provare la piattaforma di trading Forex XM , utilizzando denaro virtuale e quindi senza correre dei rischi
  • oppure di aprire subito un conto Reale, beneficiando del Bonus di Benvenuto di 30 USD (o equivalente in altra valuta) in omaggio, senza obbligo di deposito in caso di conto con regolamentazione ASIC. (This bonus is not available for clients registered under Trading Point of Financial Instruments Ltd and Trading Point of Financial Instruments UK Ltd).

A sua volta scegliendo di aprire un conto Reale, abbiamo tre tipologie di account:

  • Conto Micro, consigliato per trader principianti e adatto a chi vuole adottare un approccio a basso rischio verso investimenti. Consigliato per i conti fino a 3000 euro.
  • Conto Standard, consigliato per trader più esperti che attivano un maggior volume di negoziazioni.
  • Conto Zero, consigliato per lo scalping online e con spread ridotto quasi a zero!
  • Conto ultra Low (nota bene: XM Ultra Low Account non è disponibile in tutti i  broker del Gruppo. Il paese di residenza del cliente potrebbe non avere a disposizione questo tipo di conto)

Confronta tutti i conti trading di XM QUI

Bonus XM

Con il Broker XM potrete beneficiare di alcune interessanti promozioni. Tutti i clienti che aprono un conto reale XM con ASIC per la prima volta hanno diritto al bonus zero deposito. Prende questo nome perché XM non richiede nessun deposito e dunque potrete fare trading reale senza rischiare il capitale investito. Una volta richiesto il bonus (entro 30 giorni dall’apertura del vostro conto) l’importo verrà immediatamente accreditato sul conto e reso disponibile per le vostre attività di trading. Un aspetto molto interessante è che tutti i profitti derivanti dall’uso del bonus possono essere prelevati.

Bonus 50% fino a 500 usd

Oltre al bonus di benvenuto, il Broker XM con regolamentazione ASIC dispone di un bonus di deposito su due livelli, cioè offre un bonus del 50% fino a 500 usd più un ulteriore bonus del 20% fino a un importo massimo di 5000 usd ( o equivalente in altra valuta).

I clienti con regolamentazione ASIC possono ottenere anche 30$ di bonus di benvenuto.

Ottenere 30$ di bonus di benvenuto

Raccogli punti trading e trasformali in denaro reale

Il programma XM Loyalty offre ai clienti la possibilità di raccogliere gli XM Points (XMP) in base ai lotti tradati. Gli XMP possono essere riscattati in ogni momento dai clienti sotto forma di credit bonus che può essere usato per fare trading.

*Trading bonus e il Loyalty Program, non sono disponibili per i clienti di  Trading Point of Financial Instruments Ltd e Trading Point of Financial Instruments UK Ltd.

Diverse volte l’anno, inoltre, sono previsti ulteriori bonus stagionali in concomitanza con alcuni eventi del calendario economico e bonus esclusivi a cui si potrà accedere solo su invito.

Piattaforma di Trading XM

Una volta aperto il conto hai accesso completo a MetaTrader4, la Piattaforma di Trading Forex XM che è tra le più apprezzate e tra le più efficaci, in quanto offre delle funzionalità di trading avanzate.

La Piattaforma è accessibile da diversi dispositivi, quali:

  • PC/MAC (MT4 per PC, MT4 per Mac, Multiterminale MT4, WebTrader MT4, FX Arena)
  • Metatrader 5
  • Smartphone (MT4 per iPhone, MT4 per Android)
  • Tablet (MT4 per iPad, MT4 per Android)

Depositi e Prelievi su Xm

Puoi depositare velocemente sul tuo conto attraverso diversi metodi di pagamento.

Normalmente puoi usare le principali Carte di Credito, come Visa, MasterCard oppure Skrill  (perchè usare Skrill ???  leggi qui), Neteller, PaysafeCard o Bonifici Bancari.

Anche i prelievi di fondi dal proprio conto XM possono essere effettuati con gli stessi strumenti e vengono elaborati in 24 ore, dopo che sono stati verificati tutti i documenti e il conto del trader.

Strumenti di Trading di XM

Questo broker offre più di 1000 strumenti finanziari che possono essere tradati su Metatrader (MT4 o MT5).

Gli strumenti finanziari inclusi sono Forex Trading, Stocks CFDs, Commodities CFDs, Equity Indices CFDs, Precious Metals CFDs, Energies CFDs e Cryptocurrencies CFDs.

Esempi di strumenti finanziari:

  • Forex, tra più di 50 coppie di valute, 24 ore al giorno per 5 giorni a settimana.
  • Materie Prime, maggiormente esposte alle economie mondiali, che ti permettono di speculare sui futuri movimenti rialzisti/ribassisti, maggior guadagno dal calo dei prezzi
  • Indici di borsa, accedendo direttamente e a bassi costi alle economie mondiali, per strategie di trading a breve e lungo termine
  • Metalli Preziosi, trading su oro e argento
  • Prodotti energetici, come il petrolio che è la materia prima più scambiata in tutto il mondo, sfruttando l’elevata volatilità

Centro formativo XM

  1. Webinar settimanali

Sono dei seminari online, dove ciascun partecipante può interagire con altri partecipanti e con il coordinatore direttamente dal proprio PC.

XM fornisce ai proprio trader diversi appuntamenti settimanali per consentire loro di diventare sempre più abili investitori e per sfruttare al meglio le strategie di trading Forex.

600x425_italian_webinars-it

https://www.xm.com/it/webinars

  1. Webinar Forex GRATIS – ISCRIVITI

Nel 2019 sono in programmazione numerosi Webinar Trading, in cui il trader Lorenzo Sentino affronterà diversi temi formativi come:

  • Utilizzo avanzato della Metatrader 4 e 5
  • Studiare il trend, timeframe e ciclicità degli spreads
  • Strategie avanzate di trading Ichimoku
  • Utilizzo di oscillatori e indicatori ADX, RSI, SuperTrend, HeikenAshii
  • Risk e Money Management
  • Approccio psicologico ai mercati finanziari
  1. Video Tutorial

Il canale di formazione XM è ulteriormente potenziato da un sistema di video tutorials su vari argomenti, messi a disposizione da professionisti del settore allo scopo di fornire agli utenti tutte le risposte di cui hanno bisogno. visita la sezione https://www.xm.com/it/tutorials

  1. Segnali Forex XM

Tutti coloro i quali dispongono di un conto Reale su XM possono fruire gratuitamente e senza alcun limite dei Segnali Forex , per:

  • scaricare le analisi relative allo strumento finanziario di interesse, come ad esempio EUR/USD, GBP/JPY, USD/JPY, e così via.
  • Beneficiare della copertura di 10 strumenti finanziari in italiano
  • Disporre di due aggiornamenti al giorno

Assistenza clienti XM

Il broker XM offre ai suoi clienti una rete di supporto molto efficiente. L’assistenza ai clienti viene offerta 24 ore su 24 dal lunedi al venerdì in più di 20 lingue, attraverso i vari supporti:

  • Live chat
  • Telefono
  • E-mail

Corsi trading gratis 2019

Il 2019 sarà ricco di corsi trading gratuiti che si possono seguire per imparare a fare trading online sul forex, indici di borsa e azioni. I principali corsi saranno a Roma, Milano, Torino, Verona, Napoli, Bari e Catania!

Ma la formazione continua con i Webinar giornalieri è il vero punto di forza per chi vuole studiare tutti i giorni e con professionisti del trading.

Tutti i giorni alle ore 19:00 e 15:30 dal vivo e interattivi.

La formazione e lo studio dell’analisi tecnica e delle strategie di trading sono un passo importante per creare una strategia di trading vincente. Naturalmente siamo coscienti del fatto che il trader deve maturare anche un’adeguata esperienza che permette di acquisire i giusti atteggiamenti per affrontare la psicologia dei mercati e del money management.

I corsi forex proposti sono ideali sia per i principianti ma anche per chi vuole approfondire e migliorare le proprie strategie di trading. Ricordiamo che ogni corso forex proposto avrà un fine educativo che perdurerà oltre la giornata dal vivo organizzata dai broker ma sono finalizzati a creare una classe virtuale di studio che durante il 2019 affronterà e studierà le occasioni di trading che il mercato ci darà.

Corsi forex online gratis con XM Webinar

Ecco la lista dei webinar previsti tramite il broker XM e il docente Lorenzo Sentino.

  • trend following con 2 bande di Bollinger
  • strategie trading con il Supertrend e il We-Point indicator
  • trading con l‘uncino di Ross e 1-2-3 high / low patterns
  • Pinbar trading strategy
  • spread trading intraday e dinamico

Come potete notare si tratta di diversi argomenti molto interessanti che vi possono aiutare a fare trading durante il mese, accrescere le vostre conoscenze e confrontarvi con professionisti del mercato.

Formazione, seminari e webinar forex

Nel 2019 ogni persona che vuole imparare a fare trading online può contare su numerosi corsi trading e lezioni di trading gratuite che sono uno strumento innovativo rispetto agli anni precedenti quando l’unico modo per imparare era la lettura di libri o seminari costosi.

I webinar settimanali sopra elencati hanno sono molto apprezzati non solo perchè sono GRATIS per tutti ma anche perchè si tratta di lezioni dal vivo con cui tutti gli apprendisti trader possono interagire tramite voce o chat e riescono ad apprendere i segreti del trading.

Lezioni di trading ed esperienza

Naturalmente le lezioni di trading devono essere sfruttate per mettere in atto le strategie nel trading online. E’ così che ogni trader accresce la propria esperienza.

L’esperienza è l’indicatore più importante per avere successo nel trading online. Fare esperienza vuole dire:

  • mettere in pratica i sistemi di trading
  • sbagliare e perdere
  • guadagnare
  • studiare come migliorare il proprio storico di trading

Lezioni di trading e risultati trading

Recenti statistiche hanno dimostrato che i trader che studiano in modo costante e fanno trading rispettando le regole di money management riescono ad accrescere i propri guadagni dall’attività di trading.

Lo studio dei mercati e delle strategie di trading è un’attività professionale che deve essere allenata ed effettuata sempre, sia per chi inizia il lavoro di trader e sia per i professionisti.

Per quale movito?

Semplicemente per il fatto che i mercati finanziari sono in continua evoluzione ed è necessario tenersi aggiornati.

Fai esperienza con un conto forex demo

Dopo aver studiato una strategia forex o di indici di borsa apri un conto demo e allenati. Il vantaggio dei conti demo forex è duplice:

  1. ti aiutano a capire i pro e i contro della strategia
  2. ti aiutano a capire il tuo carattere rispetto alla frenesia dei mercati finanziari

senza dimenticare che anche se sbagli non perdi soldi!

Miglior broker forex con conto demo

A tal fine ti invitiamo a scegliere uno dei seguenti broker forex con conto demo:

I CFDs sono strumenti complessi con un alto grado di rischio di perdita del capitale per via della leva finanziaria. In media il 74-89% degli investitori retail perde soldi con il trading di CFDs. Prima di investire soldi reali devi considerare la tua attitudine al rischio e al trading di CFDS.

Fare trading lentamente… Ma non troppo: l’approccio Swing

Lo Swing Trading è uno stile di negoziazione. Esso può essere adottato in relazione a qualsiasi asset class, per quanto si addica maggiormente a quelle dotate di una volatilità medio-alta ma non eccessiva. Dunque, per quanto – è bene ripeterlo – possa essere giudicato “universale” si adatta più al Forex che all’azionario.

24option trading

In questo articolo parliamo dello Swing Trading, offrendo inizialmente una definizione più chiara e asciutta possibile, per poi indagarne i vantaggi e gli svantaggi, e infine delineando l’identikit del perfetto Swing Trader.

Che cos’è lo Swing Trading

Con il termine “Swing” si indica uno stile di trading che prevede il mantenimento di una posizione per un periodo sempre superiore a un giorno e basato sul concetto di trend following. Si inserisce a metà strada tra il Day trading, che prevede la chiusura delle posizione entro la fine della giornata, e il trading a lungo termine (noto anche con il nome di “Buy e Hold”) che agisce su tempi molto lunghi.

Chi fa trading utilizzando lo stile Swing, in genere, mantiene le posizione aperte per una o due settimane. In ogni caso, il suo punto di riferimento, più che temporale, riguarda il concetto di trend: l’orizzonte temporale delle sue posizioni coincide (o dovrebbero coincidere) con quello del trend. Lo Swing trader è quindi essenzialmente un “trend follower”.

Da questa definizione si evince che a cambiare, rispetto agli altri stili, non è solo l’orizzonte temporale ma anche il modo di fare trading, e il comportamento da adottare nei confronti del mercato. Un comportamento che potrebbe essere definito più passivo, per nulla inteso a cercare eventi dirompenti come i breakout o la rottura di livelli.

Pro e Contro dello Swing Trading

Webinar avatrade
Elenco completo dei Webinar QUI

Se è vero che lo Swing Trading segue il trend, allora è assolutamente necessario che mantenga le posizione aperte per diversi giorni, dal momento che le tendenze si consumano in un orizzonte di tempo certo non breve. Ciò produce essenzialmente due vantaggi.

I profitti sono abbondanti. Almeno rispetto il Day Trading, si intende. Nell’arco di tre, quattro, cinque giorni o di settimane, ipotizzando sempre (magari tra alti e bassi) la prosecuzione di un trend, la variazione in termini di pip è davvero significativa.

L’attività di monitoraggio è più leggera. Questo assunto si basa sul fatto che realmente il mercato si trovi inserito in un trend preciso, che è poi la condizione necessaria affinché possa essere adottato l’approccio swing. Ad ogni modo, se il trend è solito, il trader non deve preoccuparsi degli alti e dei bassi, ossia delle deviazioni dal trend spesso. Dunque, il lavoro di monitoraggio è meno faticoso. L’unico vero elemento da prendere in considerazione è lo stop loss. Se il prezzo si mantiene dietro lo stop, allora la posizione può rimanere aperta.

Svantaggi dello swing trading

Le perdite sono ampie. La questione della variazione di prezzo è, logicamente, un’arma a doppio taglio. Se i potenziali profitti sono grandi, lo sono anche le potenziali perdite.

Richiede un’attività di analisi perfetta. Lo Swing trader può operare solo in presenza di un trend. Dunque, deve riuscire a individuare il trend e deve stare molto attento a non confondere un movimento di prezzo deciso ma non tendenziale con un trend vero e proprio. Si intuisce, quindi, come l’analisi ricopra un ruolo di primo piano, anche in una prospettiva di determinazione del punto di uscita (altro momento critico). E’ difficile capire se il mercato è inserito in un trend solido, è ancora più difficile intuire quando, grosso modo, il trend finirà.

E’ più noioso rispetto ad altri stili. Questo, in realtà, è un mezzo vantaggio. Anche perché il trading non è un divertimento, o almeno non dovrebbe essere considerato solo in questa prospettiva. Ad ogni modo, è uno stile poco adrenalinico, basato sul trittico analisi-pianificazione-attesa.

A chi è adatto lo Swing Trading

Lo Swing è un modo di fare trading molto particolare. Dunque, non è detto che possa essere praticato da tutti. Ecco le qualità che dovrebbe possedere un aspirante Swing trader.

Capacità analitica. Come abbiamo specificato nel paragrafo precedente, l’analisi è un’attività che nello Swing assume una importanza capitale. Dunque, questo stile è riservato a chi è in grado di produrre analisi efficaci e che guardino a orizzonti temporali non circoscritti.

Pazienza. Lo Swing trader, dopotutto, “non fa altro” che analizzare, individuare il momento esatto di entrata e di uscita, pianifica, aspettare che il trend faccia il suo corso, che raggiunga il suo picco e si consumi. Uno stile di trading, dunque, potenzialmente attendista, riservato a individui pazienti, che fanno benissimo a meno della frenesia da operatività.

Solidità economica. Lo Swing Trading non è certamente lo stile più pericoloso. Anzi, da un certo punto di vista è molto meno rischioso rispetto al Day Trading. Ad ogni modo, per quanto spalmate in un lasso di tempo significativo, le eventuali perdite pesano parecchio. Dunque, è bene che abbia le spalle coperte.

Come difendersi dai consulenti finanziari disonesti

Riconoscere i consulenti finanziari disonesti è tutto sommato semplice, anche per chi è a digiuno (parzialmente o totalmente) di investimenti: quando l’offerta è troppo bella per essere vera, allora c’è qualcosa sotto. In questo articolo però affrontiamo un argomento diverso, ovvero i casi in cui un consulente finanziario “onesto”, magari dipendente presso la proprio banca di fiducia, non si pone solo dalla parte del cliente ma anche di quelle dell’istituto presso cui lavora. Un caso che, è bene dirlo, è tutt’altro che raro e che anzi rappresenta spesso e volentieri la regola piuttosto che l’eccezione.

Webinar avatrade
Elenco completo dei Webinar QUI

Studia e impara a fare trading in modo autonomo per poter fare fruttare i tuoi soldi. Non è necessario affidarsi ai consulenti finanziari per poter guadagnare nei mercati forex, indici e materie prime.

Elenco completo dei corsi di trading gratuiti di Avatrade –Entra QUI

I comportamenti dei consulenti finanziari

I consulenti finanziari, anche quando sono perfettamente onesti, anche nei contesti “protetti”, ovvero quelli inseriti nella normale dialettica banca-cliente, possono causare qualche problema all’investitore inesperto.

Il motivo è semplice: sono chiamati a fare l’interesse del cliente, certo, ma anche quello della banca. La quale è comunque un istituto privato che deve pensare al profitto. Sia chiaro, le truffe non c’entrano nulla. Non stiamo parlando di questo. Il riferimento è ai casi in cui vengono offerte soluzioni di investimenti non completamente adeguate al cliente.

Accade spesso, infatti, che un consulente
finanziario cerchi di “piazzare” un prodotto che sta a cuore alla
banca, e non necessariamente utile all’investitore, che anzi
potrebbe scegliere di meglio. Le tecniche di persuasione che i
consulenti mettono in campo sono efficaci e collaudate. Per esempio,
sovente pongono sul tavolo tre soluzioni, di cui due estreme e una -
proprio quella che cercano di “vendere” - più equilibrata. Il
cliente, in questa fattispecie, è portato a scegliere la soluzione
di mezzo, facendo il gioco del
consulente e ignorando tutto
il resto.

Un’altra tecnica consiste nel proporre direttamente un out out tra due soluzioni favorevoli alla banca, implicitamente escludendo altri prodotti.

Il tutto, sia chiaro, in una prospettiva assolutamente legittima, nella quale vengono rispettati i più basilari principi deontologici e, in una certa misura, gli interessi del cliente. Appunto… In una certa misura.

Come comportarsi con i consulenti finanziari

Come difendersi da queste tecniche di persuasione? La risposta più logica sarebbe questa: impararle tutte, una ad una, in modo da riconoscerle e contrastarle. Ora, a nessun investitore dovrebbe essere imposto uno studio sulle tecniche di persuasione. E, infatti, non abbiamo intenzione di farlo. Prima di offrire qualche consiglio più semplice, è bene però fare una precisazione. Il requisito principale per difendersi è maturare un convincimento: i consulenti finanziari sono professionisti al servizio del cliente e allo stesso tempo una sua controparte.

Fatta questa precisazione, passiamo ai consigli.

Mettere in discussione tutto. Non si tratta di applicare una riserva sulle soluzioni del consulente che, lì per lì e su due piedi, non incontrano il proprio gusto. Si tratta di abbracciare un pregiudizio di fondo, ovvero che tutto ciò che il consulente propone potrebbe non fare al caso proprio. Se si utilizza questo approccio, aumentano le probabilità di difendersi con efficacia dalle tecniche di persuasione. Sia chiaro: non significa mettersi con le braccia conserte e fare no con la testa per tutta la durata con la testa. Molto semplicemente convincetevi che un rischio esiste, e che va trattato come tale. Insomma, alzate la guardia.

Prendere tempo. Una delle peggiori azioni che un risparmiatore può compiere quando è al cospetto di un consulente finanziario nell’esercizio delle sue funzioni è scegliere in fretta. E’ forte la tentazione di sbrigare la pratica in una sola battuta, magari al primo colloquio, in modo non pensarci più. Soprattutto se il consulente adotta un approccio che porta rapidamente allo sfinimento. Tuttavia, prendete sempre tempo. Riservatevi di decidere in un secondo momento, e utilizzate il primo colloquio per prendere atto dell’offerta del consulente.

Informarsi in prima persona. Questo è il consiglio più importante. Una volta ascoltato il consulente e aver preso visione delle sue offerte, andate a casa. Magari fissate un secondo appuntamento per “deliberare” e finalizzare l’investimento. In questo lasso di tempo, informatevi. In primo luogo, su quanto offerto dal consulente. Secondariamente, se già non l’avete fatto, sull’offerta della banca nel suo complesso (nei siti proprietari è possibile, con un po’ di pazienza, farsi una idea chiara). Per formulare un giudizio sui prodotti di investimento utilizzate tutti i mezzi possibili, dalle piattaforme specializzate ai feedback degli altri clienti (che sui forum abbondano).

Formazione Gratuita con Avatrade

Avatrade lancia il nuovo programma di formazione gratuita tramite webinar in diretta e interattivi. Per chi non conosce Avatrade vi riassumiamo qui alcuni dettagli:

  • Broker regolamentato in Europa
  • Broker internazionale presente in circa 190 paesi del mondo
  • Piattaforme per il trading mobile, Metatrader, Web
  • Broker utilizzabile con MQL5 signals e con Zulutrade – vedi qui
  • Broker con offerta Forex, Indici, Materie prime, Criptovalute e Azioni
  • Broker per il trading di opzioni vanilla tramite la piattaforma AvaOptions
  • Deposito minimo di 100 euro
  • Sponsor ufficiale Manchester City

Vai al sito di Avatrade – vedi qui

Gli appuntamenti sono già in calendario per tutto il 2018. Ecco alcune delle lezioni di trading gratuite che vi suggeriamo di seguire.

Webinar avatrade
Elenco completo dei webinar di Avatrade –Entra QUI

Correlazioni e Spread Trading

Presenter: Fabio Sella, italian team of PipTrend

Date 14/11/2018 – 05/12/2018

Come guadagnare dalle correlazioni nel trading sul forex e indici.

Punti chiave:

  • correlazioni nel forex
  • basket correlations
  • spread trend a 2 o più coppie o indici

Breakout volatility con PipTrend indicator

Presenter: Fabio Sella, italian team of PipTrend

24/10 – 28/11 – 19/12

Strategie di braekout volatility con indicatore PipTrend

  • Che cosa è la volatilità e il breakout

Tutti i webinar forex di avatrade sono in diretta, gratuiti e interattivi. I trader studenti potranno dialogare con il teacher e con il presentatore per porre le domande su dubbi o specifiche.

Titoli italiani: ecco le mani forti che speculano sul nostro paese

Quando si sente parlare dei crolli in borsa, della perdita di valore da parte dei titoli italiani, il cittadino medio tende a non preoccuparsi. Egli avverte questi movimenti come un fenomeno frequente, dunque non pericoloso. Qualche pensiero in più, a dire il vero, lo provoca lo spread, ma più per l’importanza che giornali e televisioni attribuiscono a questo indicatore, che per una reale conoscenza dello stesso.

trading azioni con Markets
Fai trading con Markets sui CFD di Azioni, Forex, Indici, Criptovalute e Materie prime

Dunque, è bene fare chiarezza sull’argomento. Ovvero, sulle implicazioni reali, lato investitori e lato risparmiatori, delle speculazioni subite dai titoli italiani; ma anche sui protagonisti di queste speculazioni.

Perché la speculazione fa male all’Italia

La speculazione è un termine negativo, che persino al più profano dei cittadini rievoca situazioni di pericolo. Una sensazione che, in effetti, trova riscontro nella realtà. La speculazione può veramente causare problemi di tipo pratico, e non solo all’investitore professionista.

Pensiamo ai titoli obbligazionari italiani, e nello specifico ai titoli di Stato. Se a seguito di una speculazione, o semplicemente una forte ondata di vendite, il prezzo dei famosi BTP (ma anche degli titoli a più breve scadenza) scende, le conseguenze sono notevoli. Anche perché se il prezzo scende vuol dire che i rendimenti salgono, insieme al famigerato spread. Se i rendimenti salgono, lo Stato fa più fatica a finanziarsi. Inoltre, impone un costo di finanziamento più elevato a tutti i livelli, dunque nel passaggio di denaro tra banca nazionale a banca commerciale, da banca commerciale a imprese etc. Il risultato più pratico è una generica stretta del credito al dettaglio, con interessi più alti per le aziende che vogliano finanziarsi ma anche i semplici cittadini che chiedono un prestito. Il riferimento è ai mutui, specie quelli con il tasso variabile.

Vi è un effetto ancora più pericoloso, ma meno vincolato alle evidenze pratiche. Se i BTP producono pessime performance, e subiscono una forte ondata di vendite, si instaura un circolo vizioso. Con l’aumentare delle vendite, infatti, gli investitori perdono la fiducia e smettono di acquistare/iniziano a vendere; chi compra lo fa a un prezzo sempre più basso, alimentano la spirale del deprezzamento e della sfiducia.

Una cosa simile accade ai titoli azionari. Se sono oggetto di vendite, per la legge della domanda e dell’offerta, i prezzi si abbassano. E se i prezzi continuano ad abbassarsi gli investitori sono portati a vendere sempre di più e sempre più in fretta, causando una continua riduzione dei prezzi. Tutto ciò, infine, alimenta la sfiducia attorno all’economia del paese (che è composta anche e soprattutto dalle sue aziende) e ciò incide sui titoli di Stato. Tale influenza è ancora più forte se il deprezzamento coinvolge i bancari, che sono i maggiori detentori del debito pubblico.

Alla luce di queste dinamiche, si comprende l’effetto domino che caratterizza i mercati: la causa diventa effetto e viceversa, instaurando il più classico dei circoli viziosi.

Le ragioni della speculazione

Molto spesso, si sente dire da analisi e policy maker, a una ondata di vendita e di sfiducia non corrisponde una situazione reale. La sfiducia, specie verso i titoli italiani, sarebbe mal riposta in quanto l’Italia gode di buoni fondamentali economici. Questo è vero, almeno nella maggior parte dei casi. Dunque, perché si specula?

Alcuni esponenti politici attribuiscono la speculazione a una volontà politica precisa, gettando benzina sul fuoco delle teorie complottiste. Durante i primi giorni di ottobre abbiamo visto un corposo campionario di queste interpretazioni.

La verità, almeno quella ufficiale, è assai più banale. Si specula, o semplicemente si vende, per una ragione più che terrena, che nulla ha a che vedere con una visione politica o della società. Ovvero, per guadagnare o per limitare le perdite.

Alcune dinamiche di vendita appaiono insensate perché frutto della paura. Peccato, però, che la paura (degli altri) sia in grado di incidere realmente sul prezzo, e spinga anche le persone più razionali a vendere. Di nuovo, causa ed effetto si scambiano di posto, generando il circolo vizioso.

Titoli italiani: chi specula

E’ comunque importante conoscere chi è che, attualmente, sta speculando sui titoli italiani. Ovvero, chi sta vendendo, magari allo scoperto (provocando effetti ancora più vistosi) tra i grandi nomi della finanza internazionale. Anche perché, spesso, le dinamiche di deprezzamento partono da lì: se un big vende, in primo luogo smuove tecnicamente il mercato (perché coinvolge volumi elevati), secondariamente lo smuove a un livello più emotivo. I big, infatti, sono spesso visti come benchmark da seguire.

Non c’è bisogno di fare indagini particolareggiate. E’ stata la Consob, a maggio 2018, a pubblicare una lista dei grandi investitori istituzionali che hanno venduto allo scoperto titoli italiani. Tra i nomi più famosi spiccano Viking Global, Engadine Partners, Marshall Wace, Lansdowne Partners, Pdt Partners, Alvento Capital Partners, Kairos e Pictet Asset Management. In mezzo, anche alcuni fondi pensioni degli Stati Uniti (come quello che cura la previdenza per il sindacato dei metalmeccanici) che avevano in pancia una discreta porzione di debito pubblico italiano.

Se vuoi sapere tutte le Posizioni Nette Corte aperte sui titoli italiani puoi visitare il sito della consob al seguente LINK

“Trend Following” – la strategia di trading più popolare in tutti i mercati finanziari

Il “Trend Following” è la più popolare strategia di trading online a lungo termine in tutti i mercati finanziari. È estremamente efficace e vantaggiosa quando le condizioni sono favorevoli, è molto semplice nella sua metodologia e ci sono molte persone, passate e presenti, famose o sconosciute, che hanno utilizzato questa strategia per il successo e la ricchezza. Dobbiamo notare che l’aspetto tecnico del “Trend Following” è infatti molto semplice, ma anche che richiede, prima di tutto, la disciplina, sana gestione del denaro e pazienza da parte del trader. Il Trend Following non è un metodo a breve termine, la pazienza, la determinazione sono importanti così come l’analisi tecnica studiata bene sui grafici.
trend following

I Trend sono creati da potenti fattori economici di fondo e non può essere tutto chiaro a coloro che non sono molto familiari con l’analisi fondamentale. Ma i semplici modelli creati dall’azione dei prezzi in risposta agli eventi economici possono spesso essere identificati attraverso metodi che sono facili da imparare e da applicare. Così, il trader ha tanto potenziale di successo come l’analista più esperto se riesce a controllare le sue emozioni e comportarsi logicamente.

Identificare un Trend

Per applicare questa strategia dobbiamo prima essere a conoscenza dell’esistenza di un trend. Sia l’analisi fondamentale che tecnica possono essere impiegati per identificare un trend ed entrambi hanno i loro vantaggi e svantaggi. È in genere una buona idea utilizzare una combinazione di loro per decidere il carattere del trend e decidere i nostri punti di ingresso e di uscita.

Seguire il Trend

Il TrendGT nasce per aiutare i trader a interpretare il trend di mercato e seguirlo al fine di guadagnare con la strategia del trend following. Ecco un esempio grafico:

trend following

Da qui, cerchiamo di utilizzare il dialogo tra il trader di successo e il principiante per spiegare i principi in un modo più semplice.

il principiante : B

trader di successo : ST

B: Voglio usare il metodo di “Trend Following”. Come lo faccio?

ST: Si deve in primo luogo scegliere se si desidera utilizzare l’analisi tecnica o fondamentale per il metodo, o una combinazione di entrambi.

B: C’è una differenza tra questi metodi?

ST: Sì. L’analisi fondamentale e’ in grado di fornire informazioni che possono prevedere la forza e la durata di un trend. Mentre l’analisi tecnica in grado di mostrare come si sviluppa. E’ possibile basare la tua strategia su uno di questi, ad esclusione degli altri ed è ancora possibile girare un profitto se si è abbastanza fortunati, ma il nostro principio è sempre stato quello di ridurre il ruolo della fortuna per il meno possibile. L’analisi fondamentale è più affidabile dell’analisi tecnica per definire un trend che ha un potenziale a lungo termine, ma senza l’analisi tecnica sarebbe estremamente difficile decidere quando o come fare trading. L’analisi tecnica può suggerire l’inizio di un trend, ma è improbabile che possa dire molto circa la lunghezza o la forza della stessa. Così, io suggerisco di utilizzare entrambi i metodi tecnici e fondamentali per la strategia Trend Following, con i fattori fondamentali eliminando i falsi segnali di analisi tecnica, e gli strumenti tecnici fornendo con un lasso di tempo-prezzo per decidere i punti di ingresso.

B: Come faccio a decidere sull’esistenza di un trend ?

ST: Ci sono molti strumenti tecnici che possono segnare il trend, ma ci sono un numero uguale di falsi segnali generati da essi. Ricordate che ci sono solo tre tipi di trend che possono esistere in qualsiasi momento: piatto, verso l’alto o verso il basso ed è possibile parlare di trend tra due punti su un grafico di prezzo. Basta prendere due punti casuali su un grafico, tracciare una media mobile su di esso, e il modello che si pone può essere analizzato come un trend. Così è sempre necessario avere almeno una base di comprensione dei fattori economici che possono creare trend, prima di decidere la validità di un modello grafico.

B: E come posso fare?

ST: familiarità con il quadro generale; capire cosa spinge i trader del mercato; riconoscere la fase del ciclo economico.

B: Che tipo di modello di prezzo creerà un trend?

ST: A seconda del tipo di trend (cioè rialzista o ribassista), successivi alti e bassi dovrebbero costituire un modello di salita o di discesa, con relativamente poche irregolarità. Ma un caso del genere è spesso una rarità e il trader dovrà sostenere i suoi schemi tecnici con convinzione che può forse essere acquisita solo attraverso l’analisi fondamentale. Il trend che dobbiamo ricercare deve essere riconoscibile visivamente e non deve essere confuso con i movimenti casuali o intraday.

B: Se il trend può essere identificato visivamente, perché usare strumenti tecnici?

image.creative.crt.image_2211_0_0

ST: Anche se si nota l’esistenza di un trend, abbiamo ancora bisogno di strumenti tecnici per tradare e nello stesso tempo misurarlo che in inglese si chiama “Market timing”.

B: Allora proverete il “Market timing”? Mi hanno detto che non funziona mai.

ST: Il Market timing non funziona quando si cerca di prevedere punti di inversione su una base tecnica. Tuttavia il Market timing, nel contesto di una tendenza, ha lo scopo di evidenziare le fasi di contro-tendenza che si utilizzano per entrare in un trade in un livello di prezzo vantaggioso. Infatti nel Trend Following vale la seguente regola: riconoscere la tendenza, identificare la contro-tendenza (pausa del mercato) e la usa per entrare in un trade in direzione del trend.

B: In un certo senso, quindi, si aspettano i movimenti di breve per seguire la tendenza a lungo termine?

ST: Sì. In effetti, si trova l’anima e lo spirito di tutte le transazioni. Per utilizzare i comportamenti irrazionali a breve termine del mercato, al fine di entrare in posizioni lunghe in allineamento positivo con i fondamentali (o, a volte solo la tendenza), è il cuore di tutto il trading di successo.

B: Quanto tempo il Trend Following puo’ mantenere la sua posizione?

ST: Per sempre, o per l’esattezza, il più a lungo; le ragioni fondamentali che appoggiano la tendenza sono dominanti. Se il trader non è in grado di identificare tali motivi, se non è disposto a farlo, o se non crede, per qualche ragione insondabile, che sono utili, può utilizzare i modelli tecnici per misurare il suo punto di uscita. Anche se il professionista è consapevole dei fattori fondamentali ed è in grado di valutare correttamente, l’analisi tecnica può ancora fornire un sistema di allarme precoce molto utile. Se l’azione dei prezzi suggerisce fortemente che ci sia qualche errore di prospettiva fondamentale del trade, può utilizzare i segnali tecnici come un’occasione per rivalutare e riesaminare la sua immagine fondamentale.

B: Come faccio a misurare il mio trade con l’analisi tecnica?

ST: I migliori strumenti per il Trend Following sono forniti da medie e semplici grafici dei prezzi in movimento. I grafici a barre, o a candee e molti altri possono essere altrettanto utili se impiegati con le medie mobili. E’ anche possibile utilizzare in movimento crossover delle medie, e una miriade di altri metodi, ma a seconda la quale si sceglie di utilizzare, è necessario assicurarsi di non complicare l’aspetto principale della vostra strategia, che è Trend Following.

B: Che periodo di tempo mi consigliate per le media mobili?

ST: Se si desidera il trade su base settimanale o giornaliera, le medie mobili a 100 periodi saranno probabilmente in grado di catturare la maggior parte delle tendenze importanti per voi. Tutto ciò con un periodo più lungo è probabile che sia privo di significato a causa di troppi dati scartati e qualsiasi lasso di tempo che è troppo al di sotto del periodo di 100 giorni potrebbe essere troppo sensibile al movimento dei prezzi. Ma come al solito, si possono usare altri tempi sotto i 100 giorni, a condizione di non ingombrare lo schermo con un sacco di indicatori, grafici e strumenti.

B: dove dovrei mettere il mio stop loss e prendere i profitti?

ST: Questo dipende dal tuo metodo di Trend Following. Un ordine stop-loss può essere posto a breve distanza al di sopra o al di sotto della linea di trend, se è fornito dalla media mobile, o una semplice linea disegnata sul grafico. A nostro parere, il seguace di trend non dovrebbe realizzare i suoi profitti fino a quando non ha una buona ragione per farlo. Lo scopo di questa strategia di trading è quello di concentrarsi sulle dinamiche dei prezzi sottostanti mettendo a nudo movimenti di volatilità e di breve termine e c’è poca logica per realizzare profitti in risposta alle fluttuazioni che sono irrilevanti per l’azione principale del trend.

B: Ma devo ancora prendere un profitto ad un certo punto. Dove dovrei farlo?

ST: valuta sempre di calcolare un Risk/Reward di almeno 1 a 2… ovvero se rischi 50 pips allora cerca di guadagnare almeno 100 pips.

B: Come faccio a sapere se arriva al target?

ST: Come abbiamo appena spiegato, è possibile utilizzare le medie mobili per decidere il trend, ma la forza del trend dipende dalle cause fondamentali e quindi è necessario uscire dal trade una volta che tali cause sono eliminate. Per riassumere, seguire il trend è il modo più semplice e diretto per fare soldi nel mercato Forex. Ma la negoziazione di successo richiede la previsione fornita da analisi e la pazienza che viene solo con fiducia.

Conti demo opzioni binarie e digitali per criptovalute

Per chi vuole allenarsi con le opzioni binarie e digitali per il trading con criptovalute (come bitcoin, ethereum e ripple), gran parte delle piattaforme di trading mettono a disposizione i conti demo gratis che sono indispensabili per fare pratica.

Cosa sono i conti demo e come funzionano

I conti demo funzionano a tutti gli effetti come dei conti normali, sono quindi praticamente identici ai conti in cui si vincono o perdono somme reali, ma consentono di esercitarsi in maniera virtuale. Non tutte le piattaforme li prevedono ma, per i principianti è una condizione essenziale per inserirsi nel mondo delle opzioni binarie.

conti demo forex opzioni

Conti demo opzioni binarie e digitali gratis con Iqoption

IQOption è un broker regolamentato CYSEC ed autorizzato molto semplice ed intuitivo per tutti i trader di opzioni binarie. Grazie alla sua piattaforma completa si ha la possibilità di operare su diversi asset e con diverse strategie opzioni binarie. Presenta delle caratteristiche molto interessanti soprattutto per coloro che non dispongono di capitali considerevoli con cui iniziare a fare trading di opzioni binarie.

IQOption prevede:

  • conto demo gratuito illimitato
  • deposito minimo di 10 euro, ovvero il più basso del settore.
  • trading opzioni binarie, opzioni digitali, forex e CFD su azioni o criptovalute

Il conto demo gratuito offerto dal broker IQ Option, offre inoltre grandi vantaggi ovvero oltre 50 asset, un webinar introduttivo e, come gli altri, l’opportunità di fare trading senza denaro reale e in maniera totalmente gratuita. Sul conto demo, oltre ad usare denaro virtuale, è possibile ricaricare in qualsiasi momenti il bilancio fino a 1000 dollari virtuali. Dal conto demo, ovviamente, non è possibile effettuare prelevamenti ma le condizioni di trading e la redditività corrispondono a pieno al conto reale.

Bitcoin conti demo con Iqoption

IQoption permette di aprire i conti demo bitcoin gratis e di simulare il trading per comprare o vendere bitcoin.  E’ possibile fare trading con il bitcoin sia con le opzioni binarie, sia con le opzioni digitali e sia con il bitcoin cfd.
bitcoin conti demo

Differenze tra opzioni binarie e forex

Le opzioni binarie e il forex sono due strumenti di investimento diversi tra loro. Con le opzioni binarie si punta sulla salita o sulla discesa di una determinata coppia di valute, azione, od obbligazione che deve realizzarsi entro una certa scadenza temporale. Mentre nel forex, ovver nel mercato della compravendita delle valute si studia il trend e si sfrutta la tendenza senza limiti di scadenze temporali. Per poter scegliere tra l’uno e l’altro tipo di strumenti per investire, dunque, bisogna probabilmente provarli e studiarli entrambi e poi valutare quale è più confacente alle vostre capacità ed esigenze.

La prima differenza, essenziale, è che il forex si basa sulla compravendita simultanea di valute: si compra una valuta e contemporaneamente se ne vende un’altra. Le valute sono sempre scambiate in coppia, ad esempio euro e dollaro americano (EURUSD), e lo scambio avviene attraverso un broker forex autorizzato. Il tasso di cambio tra le coppie di valute varia in dipendenza dalla forza di una rispetto all’altra.

Con le opzioni binarie, il trader oltre ad investire sulle valute, può anche investire sulle materie prime, le azioni, le obbligazioni e indici di borsa e si può “puntare” al rialzo o al ribasso. Ovvero, l’obiettivo del trader non è solo di prevedere se una determinata azione o valuta si alzerà o si abbasserà, ma anche che tale movimento si realizza entro una determinata scadenza che lo stesso trader può scegliere.

Come scegliere il broker opzioni binarie o forex

Il broker forex o di opzioni binarie è la società autorizzata che permette di accedere a tutti gli strumenti necessari per poter investire. Ma attenzione, non tutti i broker sono uguali e bisogna prestare molta attenzione. Ci sono broker adatti ai professionisti, broker adatti ai principianti e addirittura ci sono broker che si prestano meglio per particolari tipologie di trading come lo scalping (sia se si vuole entrare nel mondo del forex che in quello delle opzioni binarie).

[wpsm_comparison_table id=”1″ class=””]

Cosa sono gli swap forex e come usarli nel trading online

Quando facciamo trading online, noi utilizziamo differenti tecniche sia per quanto riguarda l’analisi grafica o economica, sia per quanto riguarda lo spazio temporale dell’investimento. Tralasciando la parte dell’analisi grafica, vediamo quello che può succedere nel forex in base alla scelta della durata della nostra operazione.

Se decidiamo di adottare una strategia mordi e fuggi, tipo scalping o comunque di una durata massima di poche ore non vi sono problemi e nulla da aggiungere al risultato conseguito. Se invece portiamo l’operazione overnight, cioè al giorno successivo (che inizia alle 23:00) allora subentra un altro aspetto: il rollover o tasso swap.
cosa sono swap forex

Come funziona il rollover o tasso swap

In breve, alle 23:00 il broker chiude l’operazione per riaprirla

immediatamente dopo a livelli leggermente diversi. La diversità dei livelli, che può essere a nostro favore o sfavore, dipende dai tassi delle due valute che compongono il cross oggetto della nostra operazione.

L’operazione è semplice, sottraiamo dal tasso della valuta che abbiamo acquistato, il tasso della valuta che abbiamo venduto. Il risultato è il tasso netto annuo che verrà aggiunto (se positivo) o detratto (se negativo) al nostro bilancio.

La quasi totalità dei broker, non modificano le posizioni ogni giorno ma semplicemente aggiungono l’importo del tasso sotto la voce swap.

Esempio di come si applica il rollover (o tasso swap) al forex trading

Diciamo che ho intravisto la possibilità che nei prossimi giorni Gbp-Usd scenda quindi investo al ribasso sul cross. Mettiamo che i tassi siano dell’1,25% Gbp e 0,50% Usd.

Porto la posizione overnight, quindi devo calcolare (in realtà non dovete farlo, l’operazione è svolta automaticamente dal broker) il tasso swap (che ricordo è annuale). Essendo entrato al ribasso sul cross, ho venduto Gbp e acquistato Usd. Quindi sottraggo dal tasso di Usd (0,50%) il tasso di Gbp (1,25%) trovando così il tasso swap -0,75%. Essendo negativo me lo vedrò detrarre dal guadagno o sommare alla perdita della mia operazione. In caso avessi aperto una posizione overnight al rialzo su Gbp-Usd lo 0,75% sarebbe stato positivo e lo avrei guadagnato.

In teoria, quindi, i tassi swap dei vari cross dovrebbero essere uguali per tutti i broker. In realtà non è così. Vediamo un raffronto tra alcuni broker e i sei principali cross: Eur-Usd, Gbp-Usd, Usd-Chf, Usd-Jpy, Usd-Cad, Aud-Usd.

Confronto tassi swap dei broker forex

Spiego brevemente la tabella sopra. “B” e “S” significano “Buy” e “Sell”, quindi se compriamo o vendiamo quel determinato cross. Gli swap sono per ogni giorno che noi manteniamo la posizione aperta e sono in dollari americani (che poi è la valuta comune a tutti i cross). Tutti gli swap sono stati presi o calcolati nel modo descritto sui siti web dei relativi broker e possono variare anche da un giorno all’altro.

Come potete vedere ci sono notevoli differenze da broker a broker.

Infatti si può notare che:

Come mai?

Per dare una risposta bisogna fare un passo indietro e vedere la definizione di tasso swap (finora abbiamo visto solo di cosa si tratta nel forex e di come si applica).

tassi swap forex
Lo swap, nella finanza, appartiene alla categoria degli strumenti derivati, e consiste nello scambio di flussi di cassa tra due controparti. Va annoverato come uno dei più moderni strumenti di copertura dei rischi utilizzato prevalentemente dalle banche, dalle imprese e anche dagli enti pubblici. Si presenta come un contratto nominato (ma atipico in quanto privo di disciplina legislativa), a termine, consensuale, oneroso e aleatorio.

Per esempio, un soggetto A può acquistare un’obbligazione a tasso variabile e corrispondere gli interessi che percepisce a un soggetto B. B, a sua volta, acquista un bond a tasso fisso, percepisce gli interessi variabili di A e gli gira gli interessi a tasso fisso. Questa struttura (chiamata IRS, cioè interest rate swap) può essere utile per immunizzarsi da fluttuazioni di mercato o gestire fondi comuni. Nell’accordo di swap vengono stabilite le date in cui i pagamenti verranno effettuati e il modo in cui saranno calcolati. (fonte Wikipedia).

Cosa influenza la differenza dei tassi swap

Diversi i fattori che determinano e influenzano i tassi swap: il capitale nozionale, la data della stipula del contratto, quella di scadenza, il parametro d’indicizzazione (di solito Euribor a 3 o 6 mesi), il Fixed rate Player, cioè la controparte che paga il tasso fisso (l’azienza), il Floating rate Player, la controparte che paga il tasso variabile (la Banca) ecc. ecc. Tutti questi fattori fanno si che vi siano nel forex swap differenti tra broker e broker. Non pensate che se un broker vi applica uno swap più elevato di un altro sia un ladro. Applica semplicemente il tasso derivante da tutte le condizioni viste sopra. Condizioni che variano da broker a broker.

24option forex: mt4 e novità del 2017

24option è probabilmente (assieme a IQoption) il broker più famoso e amato dai trader di opzioni binarie. Ma nel 2017 è anche 24option forex e mt4 e completa l'offerta per tutti i tipi di trader!

Si fa apprezzare per le garanzie di sicurezza, per la fruibilità, per le condizioni economiche accessibili. Nonostante il favore che ha acquisito nel corso degli ultimi anni presso il pubblico, non si è seduto sugli allori e ha deciso di recente di apportare numerose modifiche.

24option oggi appare rinnovato e non solo dal punto di vista estetico. Sono state inserite alcune novità che migliorano e arricchiscono l’esperienza dei trader.

24option forex

24option forex: la nuova grafica

Già dal primo impatto si intuisce l’impegno profuso nel tentativo di migliorare una piattaforma già di per sé ottima. Nell’immediato, infatti, si apprezza il restyling grafico. Adesso l’interfaccia risulta ancora più fruibile, si avverte un senso di pulizia in grado di facilitare ulteriormente il lavoro degli trader.

Una novità “grafica”, ma dal grande potenziale strategico, consiste nella possibilità di scegliere tra vari timeframe mentre si visualizzano le preferenze degli altri trader. E’ un modo per comprendere più a fondo le mosse degli altri operatori e trarre, eventualmente, le dovute conclusioni

Broker 24option forex, CFD e opzioni 100

La novità più grande è probabilmente l’inserimento del trading con i CFD e il forex. L’acronimo sta per Contract For Difference. Si tratta di uno strumento derivato che, al costo di una esposizione al rischio solo leggermente più elevata rispetto alle opzioni binarie e il Forex, offre rendimenti molto alti. Il guadagno, nello specifico, è dato dalla differenza tra il prezzo contrattato a inizio operazione e il prezzo rilevato alla scadenza.

Lo strumento si presta all’utilizzo di leve molto elevate, sicché i profitti sono davvero cospicui. La presenza degli CFD, inoltre, arricchisce l’esperienza di trading in quanto, rispetto al semplice Forex, mette a disposizione numerosi asset in qualità di sottostanti.

Opzioni con rendimento 100%

Un’altra novità di rilievo, e che sicuramente farà aumentare i profitti dei trader, è rappresentate dalle opzioni 100. Il nome deriva dal rendimento del 100%. Una percentuale che si vede raramente anche nelle piattaforme più generose. Il meccanismo è semplice e, il ché non guasta, anche divertente. Si tratta in buona sintesi di una evoluzione delle classiche opzioni ALTO/BASSO. Il trader, anziché guadagnare se il prezzo alla scadenza risulta aumentato, guadagna se il prezzo (sempre alla scadenza) è superiore a quello stabilito dal broker a inizio contrattazione. Le opzioni 100 sono molto utili se il trader prevede una forte oscillazione del prezzo.

Trading semi-automatico

Infine, si segnala un’altra importante novità: il trading semiautomatico. Il prefisso “semi” è giustificato dal fatto che lo strumento proposto da 24option forex non è un “robot” nel senso stretto del termine, bensì un tool utile per entrare automaticamente nel mercato quando si presentano determinate condizioni.

Il trader stabilisce la soglia di prezzo raggiunta la quale l’ordine deve essere eseguito. Stabilisce anche la direzione, il capitale investito e ovviamente il sottostante. A fare il resto sarà la piattaforma. L’ingresso automatico è molto utile perché non è raro perdere il classico treno in un momento di distrazione. E’ assolutamente sicuro, anzi forse più sicuro rispetto all’alternativa “manuale” poiché impone un approccio strategico: l’operatore deve analizzare il mercato, individuare il corretto punto di ingresso, pianificare il trade e impostare i settaggi. Per esempio, un trader sa che il livello di resistenza di un dato asset è X. Programmerà quindi un’opzione PUT con punto di ingresso X perché sa che, raggiunta la resistenza, il prezzo molto probabilmente scenderà.

Confronto broker iqoption vs 24option
iqoption-broker-scalping-opzioni-binarie 24option
Conto Demo GRATIS e illimitato Conto Demo solo per clienti con deposito
Trading da 1 euro Trading da 24 euro
Deposito da 10 euro Deposito da 250 euro
Per chi ama lo scalping opzioni binarie Opzioni Binarie + Forex + CFD trading
Robot opzioni binarie gratis integrabili Segnali opzioni binarie in piattaforma
Rendimenti fino a 90% Rendimenti tra 79% e 86%
Rimborso fino al 45% Rimborso parziale non previsto
Licensa CySEC Licenza CySEC
ISCRIVITI ISCRIVITI