Home » Strategie trading » bitcoin » Spectre.ai, la prima piattaforma di trading broker-free

Spectre.ai, la prima piattaforma di trading broker-free

Spectre.ai lancia una piattaforma trading piena di novità e broker-free. E’ infatti uno strumento di trading sui generis, che rompe con la tradizione e che apre uno scenario per un ripensamento dello stesso concetto di “piattaforma”.

Spectre.ai è infatti la prima piattaforma di trading che, per funzionare, non necessita di un broker. Fino a questo momento, i trader hanno vissuto come fondamentale e indissolubile il binomio broker-piattaforma. Oggi, Spectre.ai suggerisce che un modo diverso di intendere l’investimento speculativo è possibile. Ecco cosa c’è da sapere su Spectre.ai.

Spectre.ai: di cosa si tratta

Proprio come si legge nella home del sito ufficiale, Spectre.ai è una piattaforma di trading completamente broker-free. Ciò significa che non richiede l’intervento di un broker, o comunque di un ente terzo, che faccia da intermediario. Questo è un chiaro punto di rottura, e rispetto all’approccio market maker, e rispetto all’approccio ECN. Anche in quest’ultimo caso, infatti, il contributo del broker è (era) importante per consentire all’investitore di agire nel mercato.

A sostituire i broker vi è una blockchain. Nello specifico, gli smart contracts del sistema Ethereum. Ecco che, nuovamente, la tecnologia della blockchain trova una applicazione che va oltre la certificazione dei pagamenti, e si inserisce a pieno titolo nel campo dell’intermediazione.

Il modello (operativo e di business) di Spectre.ai sembra sulla carta molto solido. Ma entriamo nei dettagli.

L’offerta di Spectre.ai

In primo luogo, va detto che Spectre.ai è una piattaforma di trading completamente browser. Ciò significa che non è necessario installare un software, il ché è certamente una comodità non da poco. Per adesso non esiste una versione mobile ma, stando agli sviluppatori, essa verrà implementata entro la fine dell’anno.

Spectre.ai punta a garantire in tutti i momenti la liquidità per le transazioni. Si tratta di una promessa realistica: la liquidità è quella degli investitori che possiedono Ethereum. Proprio qui si intuisce una delle tante particolarità di Spectre.ai: è possibile fare trading solo in Ethereum.

Oltre a essere la prima piattaforma broker-free, dunque, è la prima piattaforma in criptovalute che consente un’attività di trading a trecentosessanta gradi. L’offerta è ampia, e non sfigura rispetto alle coppie piattaforma-broker cui siamo stati abituati in questi anni: valute fiat, criptovalute, indici, azioni, obbligazioni, persino materie prime. L’unica differenza è che, appunto, si fa trading in Ethereum.

Un altro punto a favore di Spectre.ai, e che fa il paio con quelli già citati, riguarda il deposito. Si può fare trading direttamente dal proprio wallet, senza depositare nulla nella piattaforma. Tuttavia, è possibile anche fare trading depositato denaro (crypto) nella piattaforma. In tal caso, si potrà investire nelle smart option, strumenti molto simili alle opzioni binarie, le quali propongono un ROI medio del 75% (ma può arrivare al 200%).

  • opzioni binarie (esma non le può abolire in questa piattaforma)
  • rendimenti variabili fino al 200%
  • scadenze personalizzabili da 5 minuti fino a giorni o mesi
  • possibilità di investire su azioni, indici, forex
  • piattaforma web
  • calendario trading
  • ethereum based (puoi depositare criptomonete Ethereum e se non le hai le puoi comprare da QUI)
  • nessun broker controparte

L’unico vero (grande) limite è dato dal trade minimo, che consiste in una quantità di Ethereum variabile. Essa, infatti, deve equivalere, al momento dell’ordine, a 10 dollari.

Spectre.ai è sicuro?

La risposta è… Sembra di sì. Ovviamente, occorreranno mesi se non anni per verificare le garanzie di sicurezza che la piattaforma si arroga. Tuttavia, le premesse sono ottime, anche perché la blockchain di Ethereum ha già dimostrato la sua efficacia e il modello operativo, almeno a rigor di logica, appare scevro da contraddizioni.

Anche perché, a dire il vero, il denaro dei trader, non essendoci un deposito, non entra mai in possesso di Spectre.ai. Eccetto, ovviamente, che si scelga di depositarlo e di fare trading con le Smart Option. In quel caso, comunque, sono protette dalle garanzie di sicurezze derivanti dalla blockchain di Ethereum.

L’unico “obolo” che Spectre.ai è una commissione. Ciò è positivo: la piattaforma non guadagna quando il trader perde, non guadagna quando il trader vince. Semplicemente, guadagna quando il trader trada.

Dan Aran

Dan è un trader indipendente appassionato di finanza e studio di strategie forex intraday AVVISO: I trading alert, segnali forex e ogni altra indicazione presente in queste pagine non devono essere considerati come consigli di investimento personalizzati ma frutto di libera espressione, studio e analisi degli autori. Non ci si assume responsabilità sulle conseguenze dell'utilizzo delle informazioni presenti.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

x

Check Also

Criptovalute truffe, flop o fallite: perchè?

Il mondo delle criptovalute non è tutto rose e fiori. Certo, alcune di esse, tra alti e bassi, sono protagoniste di trend rialzisti a doppia e tripla cifra, e certamente sono uscite dalla zona d’ombra entro la quale erano confinate. Il clima favorevole che oggi si respira attorno alle valute virtuali, però, è frutto anche di tentativi falliti, di progetto ...