Home » Guide Trading » Azioni » Attenzione alle aziende sopravvalutate: il caso Facebook

Attenzione alle aziende sopravvalutate: il caso Facebook

Azioni facebook

Molti di voi ricorderanno il fatidico giorno della collocazione in borsa del colosso dei social network, il grande Facebook. La collocazione iniziale era di 38 dollari ad azione, una cifra niente male che ha fatto pensare a moltissimi investitori ( piccoli ) di comprare e, quindi, investire nel proprio social network preferito, in effetti è bello sentirsi piccoli padroni del grande Facebook.

Peccato però che il valore delle azioni ad oggi sia di 18 dollari, meno della metà del valore iniziale. Un crollo del genere non si verificava da molto tempo a wall street e molti risparmiatori e pionieri dell’investimento nella creatura di Zukemberg si sono ritrovati con in mano un pugno di mosche.

Ma perché Facebook ha fatto questa fine?

I motivi sarebbero molti, ma possiamo isolarne alcuni per capire meglio quanto l’azienda sia stata sopravvalutata. Partiamo dal business su cui punta facebook, ossia, la pubblicità. Ebbene, nonostante sia il social network più popolato al mondo le sue pubblicità non funzionano come quelle di google, gli utenti di facebook raramente si interessano alle pubblicità e pochissime volte i click corrispondono ad effettivi guadagni da parte dell’azienda che ha speso soldi per avere quel piccolo spazio sul social network.

L’unica vera fonte di ricchezza di facebook è il suo enorme e vastissimo database che contiene praticamente tutto ciò che riguarda le abitudini degli iscritti, dal loro colore preferito alla loro prima volta. Il problema è che tali informazioni sono di carattere riservato e, quindi, non cedibili a terzi. In sostanza Facebook non e un business concreto, non ha un piano razionale di incremento di utili e potenzialmente potrebbe rimanere tale. Il caso facebook è un palese caso di sopravvalutazione di una azienda, la situazione, se attentamente osservata, era prevedibile sin dall’inizio.

Antonio

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

x

Check Also

snapchat

Snapchat si quota in borsa: IPO da 20 miliardi

Snapchat si sta preparando per il debutto a Wall Street. L’evento, previsto per i primi di Marzo, consegnerà il celebre servizio di messaggistica al ristretto club delle compagnie tecnologiche quotate in borsa. Dopo Google, Facebook, Twitter, Alibaba anche Snapchat si appresta a diventare una società per azioni quotata e con un’entrata in grande stile. Snapchat è un app di messaggistica ...