Home » News » Legislazione » Quali sono i vantaggi della regolamentazione dei broker di opzioni binarie?  

Quali sono i vantaggi della regolamentazione dei broker di opzioni binarie?  

I vantaggi di una regolamentazione dei broker di opzioni binarie sono palesi ed evidenti soprattutto per quanto riguarda i trader che utilizzano tale strumento finanziario.

La regolamentazione, che sarà completata tra circa 1 anno, obbligherà tutti i broker di opzioni binarie a rispettare i principi della MiFid, ossia, la direttiva europea che regola le attività dei mercati finanziari europei.

I broker che otterranno regolare licenza dovranno rispettare tutta una serie di norme atte a garantire la trasparenza delle transazioni e a tutelare gli investitori. Nella normativa è previsto anche un fondo chiamato ICF ( fondo di compensazione degli investitori ), tale fondo ha lo scopo di garantire il rimborso degli investitori, infatti, i broker dovranno versarvi una quota di capitale che rimarrà bloccato e che servirà solo per eventuali rimborsi che dovranno essere erogati agli investitori.

Oltre ai vantaggi relativi alle garanzie per gli investitori, la regolamentazione permetterà agli stessi di poter scegliere razionalmente i broker di opzioni binarie scartando a priori quelli che non hanno regolare licenza.

In questo senso la regolamentazione è un passo fondamentale da compiere per rendere questo nuovo mercato efficace e sicuro. I tempi per rilasciare le licenze potrebbero estendersi sino alla durata di 1 anno o anche più, nel frattempo chi fosse interessato ad operare con le opzioni binarie può farlo affidandosi ai broker più famosi e riconosciuti quali quelli che abbiamo ampiamente recensito e confrontato, e che godono di fama e stima i cui clienti non hanno mai riscontrato irregolarità o problematiche varie.

Antonio

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

x

Check Also

Banche adesso più sicure: maxidecreto del Governo

Dopo diversi rinvii e attese il Consiglio dei Ministri vara la riforma delle banche, escludendo la parte che riguarda i quattro istituti locali falliti (banche Etruria, Marche, Chieti e Ferrara), affidate invece a un altro decreto del ministero dell’Economia. Dopo l’ok di Bruxelles rimangono confermate invece le nuove garanzie per le banche che si trovano in difficoltà, le agevolazioni sulle garanzie ...